I credito NPL (non performing loans) sono crediti bancari che i debitori non riescono a ripagare.

Anche in questo caso i crediti sono costituiti principalmente da mutui immobiliari ma anche prestiti o finanziamenti non onorati da chi li ha sottoscritti, che diventano per le banche ” Crediti non performanti” o NPL e che costringono l’istituto di credito ad avviare procedimenti di recupero giudiziari facendo vendere l’immobile in asta con tempi lunghissimi.
La principale categoria di crediti NPL è infatti quella della sofferenza ovvero quei crediti la cui totale riscossione non è certa, trovandosi il debitore in stato di insolvenza.
È interesse delle banche liberarsi di detti crediti per diversi motivi: riduzione del valore del credito, alti costi di riscossione e soprattutto elevato rischio di non recuperare il credito. Si tende a ricorre all’acquisto del credito Npl quando è già in corso una procedura esecutiva immobiliare.
La strategia si concentra sull’acquisto a forte sconto di detti crediti oggetto di procedure esecutive immobiliari, attraverso una società veicolo autorizzata dalla Banca d’Italia.
Una volta acquistato il credito le possibilità sono due:

  1. Attendere la vendita giudiziale al fine di ottenere un guadagno dopo l’aggiudicazione dell’immobile in asta da un acquirente;
  2. Richiedere l’assegnazione dell’immobile, in sede di esecuzione forzata, depositando istanza di assegnazione al giudice dell’esecuzione ai sensi degli artt. 588 e 589 c.p.c. in mancanza di offerte in sede di incanto.

In questo momento l’acquisto di crediti NPL risulta particolarmente vantaggioso a causa delle pressioni della Bce sulle banche italiane, che le obbliga ad avere sempre meno insoluti e che pertanto sono costrette a vendere a prezzi per loro svantaggiosi.

QUESTE OPERAZIONI DURANO IN MEDIA DA 6 A 18 MESI


Vuoi Investire in modo Professionale?

Chiedici come.






 

We respect your email privacy